Siamo tutti dottori

 Chissà perchè ma nella famiglia Bossi si sono laureati tutti, anche l’ultimo cazzone di usciere/cassiere una laurea è riuscito ad arraffarla. Sia pure a Malta, o presso la libera Università del Bengodi, oppure a Londra con sede in via dei Minchioni 11, o giù di lì. Insomma tutti si sono comprati il titolo di dottore, a peso d’oro, ma titolo è. Umberto non ce l’ha fatta, i figli e i famigli, sì. A peso d’oro non è proprio corretto. A spese dei contribuenti, perchè erano finanziamenti di partito finiti nelle tasche del Trota, del Siro, del Riccardo, che non è di grande compagnia ma … Far  studiare i figli. Già, un grosso problema per la gente comune, che non arriva a fine mese. “Facciamo grandi sacrifici”. Loro no. Ripetenti con un curruculum scolastico da decerebrati finiscono per essere i nuovi padroni del vapore, sulla spalle di altrettanti decerebrati che li votano ( e che di fronte ai fatti ormai chiarissimi ancora credono alla tesi del complotto). La secessione, Roma ladrona, la Padania. Centinaia di migliaia di euro finiscono nelle casse della “Boss(i) Family” che spende, investe e ricicla soldi non propriamente suoi. Con la benedizione e la partecipazione di altri boss di altre famiglie, questa volta del Sud, che della Padania se ne strafottono, ma non del potere e della ricchezza. Oggi, dopo le dimissione del Senatùr, la direzione della Lega passerà al triumvirato Maroni, Del Lago e Calderoli. Sì, proprio il Cald, in odore anche lui di distrazione finanziarie. L’ex Ministro degli Interni dichiara di voler fare piazza pulita e non guardare in faccia nessuno. Ha ragione. Sono tutti assolutamente inguardabili.

Siamo tutti dottoriultima modifica: 2012-04-07T08:17:00+02:00da sandcreek12
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento